Virkelighetens CINEMA PARADISO

Klikk på lenken under hvert bilde, så får du opp en pdf fra VGs Fredags-magasin med den enkelte side.

Italian and English translation at the end of the article(scroll down)

Artikkelen publisert på VG Nett finner du her

SiciliaFilm1

SiciliaFilm2

SiciliaFilm3

SiciliaFilm4

SiciliaFilm5

SiciliaFilm6

.

.

.

L’articolo in italiano:

SICILIA: Il Cinema Paradiso della realità

SICILIA (VG) Così, un giorno sei lì, proprio sulla piazza di fronte al villaggio-chiesa di Palazzo Adriano, e tu certamente manca con un fazzoletto a mano.

Ecco alcune delle scene più si spostano all’interno della storia dell’arte di cinema tutta registrati. E sì, anche il più sentimentale.

E mentre siete lì, combattendo il diluvio primaverile nei tuoi occhi, si capisce dalle reazioni tra i mattinieri davanti al caffè – questo è qualcosa che hanno visto prima: i visitatori sovraesposto alla piazza, il campanile e la facciata della chiesa, subito riviviere il finale irresistibile di «Nuovo Cinema Paradiso», il vincitore acclamato a livello globale e più intrigante fastidio di un Academy Award («Oscar») per la migliore (estero), e la Prezzo Speciale della Giuria a Cannes.

Il sentimental journey di Giuseppe Tornatore di ritorno alle origini storiche è un Inno alla Gioia per l’oscurità magica del cinema. A cineastic testamento con le caratteristiche autobiografiche – con saluti e grazie da uno dei figli della Sicilia che sono cresciuti sotto il fascio di luce fiammeggiante del cinema parrocchia e diventa uno dei registi più importanti d’Italia.

Ogni anno gli spettatori comuni e cineasti zelante di viaggio per l’isola ospitale e amichevole del Mediterraneo con la cattiva reputazione immeritato. Piuttosto molti lo fanno in modo solo per capire perché Visconti, Fellini, Antonioni, Pasolini, Bertolucci, Rossilini, Zeffirelli, De Sica, Scola, Giordana, i fratelli Tavani e di altri registi hanno scelto la Sicilia come cornice per le loro narrazioni.

Altri non si rendono conto che sta camminando per sentieri di Woody Allen, Francis Ford Coppola, George Lucas, Ingrid Bergman, Sophia Loren, Brad Pitt o George Clooney fino a quando non stanno in piedi nel mezzo della scenografia.

Il filmtourism non è una nuova tendenza nel settore turistico. Ma pochi posti sono meglio praparati per questo tipo di turismo avventuroso di Sicilia – l’isola si può attraversare in auto in poche ore, con scena famose dietro la svolta succesiva.

La Sicilia ha, nel corso degli ultimi 50 anni, sono l’arena per circa 350 lungometraggi e produzioni TV-dramma. Per lo più, forse, perché in Sicilia è di per sé ha tante storie da raccontare (chiedere Odyssevs per un inizio!). E poiché splendido paesaggio dell’isola e dei villaggi autentici contenere tanta bellezza pittoresca e immagini abbondante.

Una di queste storie che fanno un bello spettacolo, letteralmente, sul grande schermo, è quella sulla mafia. La mafia siciliana, Cosa Nostra, è la madre cattiva di tutte le organizzazioni criminali.

Le epos mafiosi soprattutto è ovviamente Il Padrino – un riferimento cinematografico e stilistica che ha il suo cuore epico nella città di Corleone, mentre nessuna scena di sorta nella trilogia è girato qui.

Sulla costa orientale dell’isola tuttavia, intorno Taormina seducente e nei dintorni di Sicilia leggiadrà perla, è possibile che in un solo pomeriggio fare un grand tour a più iconici Padrinoesterni:

Diciamo che hai pranzato in giardini di convento di hotel di lusso più stravagante d’Italia, il leggendario cinque stelle San Domenico Palace, in cui Frank Sinatra e Marlene Dietrich erano regolari, ma lontano dalle celebrità solo per celebrare la dolce vita nel suo periodo di massimo splendore. Liz Taylor e Richard Burton trascorso le notti qui, tra bevande e occasionali tentativi di uccidersi a vicenda in up-town Wunderbar. Scene chiave fascino di Michelangelo Antonioni L’Avventura e Luc Besson Le grand bleu si svolgono qui, e la bella figura si spogliò Monica Bellucci si perpetua per il futuro in agrodolce Malena.

E, diciamo, hai affittato una FIAT, come l’impareggiabile Roberto Benigni fa al momento di lasciare Taormina incantevole nella mafia-parodia di Johnny Stecchini, poi dirigetevi a nord per la prima volta, entro quindici minuti si trasformano verso Forza d’Agro, e ‘sarete alla guida a destra in Il padrino La «Corleone».

La città reale di Corleone non ha funzionato come location per la città stessa. Pertanto Francis Ford Coppola ha scelto di fare gli esterni al primo e il secondo film qui. Così come nella vicina cittadina di Savoca, dove si può visitare la chiesa dove si sposò Michael Corleone al suo Appolonia – e fare una passeggiata verso il Bar Vitelli e sorseggiare un drink sulla sedia come Al Pacino ha avuto un paio di occhiali, anche quanto essi dicono, del locale grappa miele – un liquore pericolosamente liscia a base di uva, ha aggiunto un profumo di miele.

E così, quando si è pronti per visitare le incomprensibili splendide città barocche di Ragusa Ibla, Modica, Scicli e Noto, a cercare esattamente le caffetterie stessi Monica Bellucci «Malena» e Marcello Mastroianni comme divorzista «Ferdinando» frequentata, è ‘ll anche uno sguardo schivo Fiumefreddo e il Castello degli Schiavi, dove la prima moglie di don Corleone incontrati il suo salvatore.

Da qui si vedrà anche l’Etna, il vulcano vivente, un paese di Pasolini, dove esplode e il paesaggio hanno simboleggiato Armageddon e l’inferno in tre dei suoi film, per non parlare di un altro pianeta in Star Wars III.

Nel vostro specchietto retrovisore ora avrete incantevole Taormina, la città centauro piani sulla roccia, con il teatro greco, dove Woody Allen colpo La dea dell’amore, e della località balneare di Giardini Naxos con le sue spiagge, ben noto dagli scandinavi in quanto il anni Settanta. (In realtà, i norvegesi prima guidata dal futuro re Harald III avvisto terra qui come già nella metà del secolo 900, ma questa è una storia completamente differente).

Quando si raggiunge il punto del sud-est della Sicilia si guida direttamente nel mondo di Montalbano. Anche se il comissàrio culinaria da un lato del suo creatore Andrea Camilleri è geograficamente situato nella città portuale di Porto Empedocle («Vigata»), sulla costa occidentale, i film si trovano in piccino Punta Secca (residenza di Montalbano) e Scicli (la stazione di polizia), mentre l’azione si svolgono sulle colline di Ragusa Ibla.

In una regione estremamente autonomia con un patrimonio fiero, la Sicilia non vuole trattare con l’Italia continentale più del necessario. In questo senso può sembrare un paradosso che questa particolare isola così spesso è stato scelto per rappresentare l’italiana su pellicola.

Ma quando si arriva qui, e sei in piedi sulla piazza di fronte al villaggio-chiesa di Palazzo Adriano, ti rendi conto che non è che «semplice».

L’Italia è Italia, ma solo la Sicilia è la Sicilia. Anche nei film.

* * *

* * Some of the world’s best and finest films are shot on Sicily. Follow VG’s directions behind the scenes – on location:

 

SICILY: The reel Cinema Paradiso

By YNGVE KVISTAD, Verdens Gang (VG)

SICILIA (VG) So, one day you’re standing there, on the piazza in front of the church in Palazzo Adriano, and you should definitely had that hankie by hand.

On these premises are some of the most moving scenes within the art of making movies shot. And for sure, the most sentimental, as well.

And while you’re standing there fighting the spring flood in the corner of your eye, you realize from the reaction of the early risers outside the café that they’ve seen it all before: Visitors exposed to the piazza, the belfry and the façade of the church instantly revives the overwhelming finale of Cinema Paradiso, the globally acclaimed and most intriguing winner of both an Academy Award  («Oscar») for best (foreign) picture, and the Special Jury Prize in Cannes.

Giuseppe Tornatore’s sentimental journey back home to his origins is an Ode to Joy to the magical darkness of the cinema. A cineastic testament with autobiographical features – with regards and thanks from one of Sicily’s own sons who grew up under the flaming beam of light of the parish cinema and became one of Italy’s leading filmmakers.

Every year ordinary moviegoers as well as eager cineasts seek to the hospitable Mediterranean island with the undeserved bad reputation. Quite a few do so exactly to experience why  Visconti, Fellini, Antonioni, Pasolini, Bertolucci, Rossilini, Zeferelli, De Sica, Scola, Giordana, the Tavani-brothers and other outstanding directors chose Sicily as frame for their pictures.

Others never discover they’re walking in the paths of Woody Allen, Francis Ford Coppola, George Lucas, Ingrid Bergman, Sophia Loren, Brad Pitt or George Clooney until they stand in the middle of the set design.

Moviespotting isn’t at all a new trend within tourism. But few places are better adapted to that kind of adventurous journeys than Sicily – an island you can cross by car within hours, with famous scenes from your favorite films behind the next turn.

Sicily has, during the past 50 years, been the arena for some 350 feature movies and TV-drama productions. Mostly, maybe, because Sicily in its self has so many stories to tell (check out Odyssevs for a start!).  And because the island’s dramatic landscape and authentic villages contain so much picturesque beauty and abundant imagery.

One of these stories which make a good show, literally, on the silver screen, is the one about the mafia. The Sicilian mafia, Cosa Nostra, is the evil mother of all criminal syndicates.

The mafia epos above all is, of course, The Godfather – a cinematic and stylistic reference which has its epic hearth in the city of Corleone, whereas no scene whatsoever in the trilogy is shot here.

On the island’s eastern coast however, around seductive Taormina and the surroundings of Sicily’s leggiadrà perla, you may within a single afternoon take a grand tour to several iconic Godfather-locations:

Let’s say you’ve had lunch in the giardini di convento of Italy’s most eccentric luxury hotel; the legendary five star San Domenico Palace, where Frank Sinatra and Marlene Dietrich were regulars, but far from the only celebs to celebrate la dolce vita in it’s heyday.

Liz Taylor and Richard Burton spent the nights here, in between drinks and occasional tempts to kill each other at the celebrated Wunderbar on the Corso. Key scenes in Michelangelo Antonioni’s allure L’Avventura and Luc Besson’s Le grand bleu take place here, and Monica Bellucci’s undressed figure is perpetuated for the future in the bittersweet Malena.

And, let’s say, you’ve rented a FIAT, as the incomparable Roberto Benigni does when leaving enchanting Taormina in the mafia-spoof Johnny Stecchino;, then you first head north, within fifteen minutes you turn towards Forza d’Agro, and you’ll be driving right into The Godfather’s «Corleone».

The actual city of Corleone didn’t work out as location for the city itself. Therefore Francis Ford Coppola chose to do the exteriors to the first and the second film here. As well as in the neighbor town of Savoca, where you can visit the church where Michael Corleone got married to his Appolonia – and take a stroll down to the Bar Vitelli and have a drink in the same chair as Al Pacino had some glasses, too much they say, of the local grappa miele – a dangerously smooth liquor based on grapes, added a scent of honey.

And so, when you’re off to visit the incomprehensible beautiful baroque cities of Ragusa Ibla, Modica, Scicli and Noto, to seek out exactly the same cafés as Monica Bellucci’s «Malena» and Marcello Mastroianni’s divorce-seeking «Ferdinando» frequented, you’ll also take a glance at bashful Fiumefreddo and Castello degli Schiavi where don Corleones first wife met her maker.

From here you’ll also see the majestetic Etna, Europe’s largest living volcano, un paese di Pasolini; where erupts and landscape have symbolized Armageddon and hell in three of his feature films, not to mention another planet in Star Wars III.

In your rear mirror you’ll now have another glimpse of charming Taormina, the storied centaur city on the rock, with the greek theatre where Woody Allen shot Mighty Aphrodite, and the seaside town of Giardini Naxos with its beaches, well known by Scandinavians since the late Seventies. (Actually, the first Norwegians led by the later king Harald III made landfall here as early as in the middle of the 900th century, but that’s a complete different story).

When reaching the southeastern point of Sicily, you drive right into Montalbano’s world. Even though the culinary comissàrio from his creator Andrea Camilleri’s hand is geographically located in the port city of Porto Empedocle («Vigata») on the west coast, the movies are set in piccino Punta Secca (Montalbano’s residence) and in Scicli (the police station), whilst the action take place in the hills of Ragusa Ibla.

As a region of exceedingly autonomy with a proud heritage, Sicily doesn’t want to deal with mainland Italy more than necessary. In that sense it may seem like a paradox that this particular island so often has been chosen to represent The Italian on film.

But when you come here, and you’re standing on the piazza in front of the church in Palazzo Adriano, you realize it’s not that simple.

Italy is Italy, but only Sicily is Sicily. Also in the movies.

Reklamer

Om Yngve Kvistad

*) Kvistadbonden er en historisk skikkelse, men også antagonisten i "Spelet om Heilag Olav", Olav Gullvågs olsokspel som hadde urpremiere på Stiklestad i 1954. Ut over det var min forfar neppe noe forbilde til etterfølgelse. Ikke er jeg bonde heller, selv om jeg har stor respekt for dem som orker å være det. Til daglig kommentator i VG, for tiden bosatt i Italia.
Dette innlegget ble publisert i Italia, Kommentar og merket med , , , , , , , . Bokmerk permalenken.

Legg igjen en kommentar

Fyll inn i feltene under, eller klikk på et ikon for å logge inn:

WordPress.com-logo

Du kommenterer med bruk av din WordPress.com konto. Logg ut /  Endre )

Google+-bilde

Du kommenterer med bruk av din Google+ konto. Logg ut /  Endre )

Twitter-bilde

Du kommenterer med bruk av din Twitter konto. Logg ut /  Endre )

Facebookbilde

Du kommenterer med bruk av din Facebook konto. Logg ut /  Endre )

Kobler til %s